In visita presso l'orto scolastico

In ogni scuola è possibile realizzare un orto con una spesa minima. Un progetto di questo genere permette infatti alle classi di imparare a lavorare la terra e di seguire da vicino il ciclo della natura. Nelle lezioni in classe, che si svolgono in parallelo, il tema è poi ampliato con altri riferimenti all'ESS e approfondito. Alla fine si raccoglie il frutto del proprio lavoro: un prodotto che tutti possono assaporare.

L'istituto scolastico Kriesiweg a Zurigo-Altstätten ha cercato invano un vero e proprio orto scolastico con parcelle di terra e una casetta da giardino. «In realtà, tutto questo non è necessario per realizzare un orto!», afferma Pascal Pauli, responsabile del progetto "Gartenkind" (bambini nell'orto) presso Bioterra, precisando: «Basta disporre di una superficie prativa o erbosa sufficientemente grande vicino alla scuola.» La scorsa primavera, le allieve e gli allievi che frequentano ora la 5a classe , hanno preparato un terreno sotto la sua direzione e realizzato tre parcelle di dimensioni identiche. Nel terreno hanno piantato patate, ne hanno poi osservato la crescita nel corso dell'estate, ne hanno curato la coltura e in autunno si sono meravigliati del ricco raccolto. «Mi è piaciuto in particolare poter fare la festa delle patate insieme ai nostri genitori.», afferma Sheila. Dopo la raccolta e prima dell'arrivo dell'inverno, la classe ha ancora seminato diverse varietà di cereali nelle stesse parcelle.

Imparare sul campo e in classe
A metà marzo, la classe è ritornata nell'orto per la prima volta quest'anno. Ha verificato cosa era cresciuto e cosa non lo era. Ha poi dissodato la terra con la zappa, estirpato le erbacce e fra le fila di cereali seminato anche piselli. Questo lavoro ha tra l'altro permesso loro di imparare a conoscere le diverse varietà di cereali e a differenziarle dalle altre piante erbacee. Mentre una metà della classe lavora nell'orto, l'altra metà approfondisce in aula il tema dei cereali con Elisabeth Messerli. Oggi si parla di prodotti alimentari fabbricati a partire dalle diverse varietà di cereali. La pedagogista curativa che ha lanciato il progetto afferma: «I progetti di orto scolastico dovrebbero essere integrati in modo fisso nel piano di studio per consentire ad ogni bambina e bambino di sperimentare il ciclo della natura dal vivo durante il suo percorso scolastico».

Alla fine del progetto, dopo aver trascorso complessivamente otto blocchi di due ore nell'orto, la classe raccoglierà i cereali, li macinerà e con la farina farà del pane. Scommettiamo che il pane piacerà a tutti?

Informazioni supplementari

Projekt Gartenkind Bioterra 
 

Collegamento

Finanziamento di progetti

 

      
Contatto

Christoph Frommherz
Kommunikation
tel +41 31 321 00 25
email