Educazione allo Sviluppo Sostenibile (ESS) | Il portale

Basi didattiche | «Cooperare per lo sviluppo»

La presente introduzione intende evidenziare le riflessioni fondamentali riguardanti i principi didattici dei moduli.

Obiettivi interdisciplinari / generali

Gli obiettivi didattici interdisciplinari si fondano sui principi dell’educazione alla cittadinanza e dell’educazione allo sviluppo sostenibile e intendono mettere in atto i seguenti processi d’apprendimento:

  • Acquisizione di conoscenze
    Gli studenti acquisiscono le conoscenze che permettono loro di capire il loro mondo, le interrelazioni globali e le interdipendenze.
  • Confronto di valori
    Gli studenti si confrontano con i principi di giustizia sociale e dei diritti umani riflettendo sui propri valori e su quelli delle altre comunità e mettendoli in relazione in modo reciproco.
  • Sviluppo di strategie d‘azione
    gli studenti sviluppano delle strategie per poter agire in maniera costruttiva tenendo conto delle interrelazioni globali, delle opportunità, delle possibilità di sviluppo, delle dipendenze e delle contraddizioni.

Per i tre moduli vi sono degli obiettivi didattici specifici, consultabili nella panoramica dei singoli moduli.

Riflessioni dal punto di vista didattico

I moduli si basano sulle riflessioni didattiche dell’educazione alla cittadinanza e dell’educazione allo sviluppo sostenibile.
Il concetto di cittadinanza mondiale implica che, tenendo conto dei processi di globalizzazione in atto a livello mondiale, l’educazione – e soprattutto la scuola – deve insegnare agli studenti a pensare e agire globalmente, trasmettendo delle prospettive globali partendo dal punto di vista locale. Devono acquisire le conoscenze che permettono, partendo dal loro quotidiano, di analizzare, trarre delle conclusioni e farsi una propria opinione sulle interconnessioni e le interdipendenze mondiali. 

Dal punto di vista contenutistico, ci si focalizza sulle aree d’apprendimento legate allo sviluppo sociale ed economico, tenendo conto degli aspetti ecologici, politici e culturali ad esso collegati. Educare alla cittadinanza significa confrontarsi con i principi di giustizia sociale e rafforzare le competenze e la disponibilità ad accettare le prospettive e gli interessi più diversi, mettendoli in relazione tra loro [1].

L’educazione alla cittadinanza serve anche per trasmettere delle competenze. Durante il loro percorso di studio gli studenti imparano ad accettare e a giudicare le conseguenze delle loro azioni e delle azioni altrui, sviluppando la capacità di collegare questo modo di agire a valori e norme importanti e ad esprimere un proprio giudizio. Inoltre imparano a riconoscere i diversi ruoli sociali che ricoprono e a comportarsi in modo da aumentare le opportunità legate alla sostenibilità [2]. Un contributo importante ad un’educazione allo sviluppo sostenibile [3].

[1] Vedere: Verband Entwicklungspolitik Deutscher Nichtregierungsorganisationen e.V. VENRO, 2005: Kurs auf Nachhaltige Entwicklung – Lernen für eine zukunftsfähige Welt. Bonn: VENRO.
[2] Vedere: Bernhard Wiebel / Bernhard Wenger, 2002: Bildung für Nachhaltige Entwicklung – Perspektivenwechsel für Ziele und Inhalte. Ein Diskussionsbeitrag im Rahmen des nationalen Bildungskongresses 2002.
[3] Vedere: Fondazione Educazione e Sviluppo FES, 2010 : Educazione allo sviluppo sostenibile – Una definizione (PDF).

Vista d'insieme dei moduli