Energie sostenibili: attivi e aperti verso il futuro

 

È da Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti che nel marzo 2015 André Borschberg e Bertrand Piccard partiranno per il loro giro del mondo in aereo solare. È simbolico spiccare il volo da questa città, emblema planetario del petrolio, grazie all'energia del sole. In occasione della consegna dei premi "Pionieri dell'energia e del clima" lo scorso mese di novembre, Bertrand Piccard ha condiviso con ventuno la sua visione, la sua passione e le sue convinzioni.

"L’importante è che i bambini capiscano che proteggere il clima e promuovere le nuove energie è un’avventura. Un’avventura interessante ed entusiasmante che porta con sé emozioni positive e creatività." La rotta da seguire è stata tracciata. Fedele alla sua reputazione, Bertrand Piccard inizia l’intervista con un messaggio che abbina scienza ed emozioni. Un filo conduttore che ci porterà al centro dell’attuale dibattito pedagogico: quello sulle competenze. Ma invita dapprima i bambini a risvegliare il proprio loro spirito d’avventura: "Quando un bambino ammira Solar Impulse che vola grazie all’energia solare e senza far rumore, deve capire che la sua avventura, invece, consiste nell’integrare le energie rinnovabili nella sua vita quotidiana. Per fare ciò, deve incoraggiare i suoi genitori, deve parlarne con compagni ed amici e con gli insegnanti, deve mostrare che tutto ciò è possibile. Non è solo fantasia, è una realtà!"

Cosa può fare concretamente?
Il bambino ha dei comportamenti quotidiani che non costituiscono forse la soluzione per cambiare il mondo, ma che vi contribuiscono molto. È il rispetto per l’ambiente e l’energia: spegnere le luci uscendo di casa, risparmiare acqua, soprattutto quella calda, mangiare prodotti di provenienza locale. Il bambino può farlo al suo livello, da solo.

Nella sua visione di sviluppo sostenibile, la scuola ha un ruolo da svolgere?
La scuola dovrebbe svolgere due ruoli, purtroppo, però, spesso ne accetta uno solo. Il primo ruolo è quello di insegnare le conoscenze. I bambini devono esercitare la loro memoria, la loro intelligenza, imparare a calcolare, a parlare, a scrivere, apprendere la geografia. Ma esiste un altro ruolo che gli insegnanti dovrebbero incarnare: il ruolo della curiosità. Imparare a dubitare, ad interrogarsi, a indagare i misteri della vita, a liberarsi dalle abitudini e dalle certezze che ci impediscono di essere innovativi nella nostra vita. Ci sono moltissime cose che non si conoscono, paesi, gruppi sociali, culture, religioni che pensano diversamente da noi.Anche questo va insegnato, per mostrare ai bambini che esistono molteplici realtà, innumerevoli modi di capire la vita e il mondo. Questo permetterà loro di sviluppare il senso del rispetto e della tolleranza nei confronti degli altri, favorirà la loro integrazione in ambienti diversi, allenerà la loro flessibilità. Se la scuola potesse incarnare questo ruolo, i bambini sarebbero ancora più aperti e pronti ad affrontare il mondo di oggi che è un mondo difficile.
 

 
Riservate il vostro giro del mondo!

A partire dal mese di marzo si potranno seguire (in I/T/F) le varie tappe che percorrerà l’aereo Solar Impulse sul sito del progetto: www.solarimpulse.com
I piloti André Borschberg e Bertrand Piccard, a turno ai comandi, vi invitano a dialogare in diretta con loro. Interessati/e? Iscrivete in tal caso la vostra classe a éducation21 e sarete informati/e dettagliatamente su date e orari degli incontri: ventuno@education21.ch